AGOSTO 2020
L M M G V S D
03
04
05
06
07
08
09
la Fondazione per

Petrarca e i suoi luoghi

Spazi reali e paesaggi poetici alle origini del moderno senso della natura


Petrarca e i suoi luoghi
Spazi reali e paesaggi poetici alle origini

del moderno senso della natura
a cura di Domenico Luciani e Monique Mosser
Fondazione Benetton Studi Ricerche-Canova
Treviso 2009

XIV-260 pagine

41 illustrazioni a colori e 37 in bianco e nero
prezzo di copertina 28 euro

ISBN 978-88-8409-227-4

(collana Memorie, 13) 

 

Il volume raccoglie contributi di Eugenio Battisti, Sante Bortolami, Hervé Brunon, Nerte Dautier, Ève Duperray, Giovanni Galli, Domenico Luciani, Nicholas Mann, Monique Mosser, Gherardo Ortalli, Roland Pastor, Lionello Puppi, Marco Trisciuoglio, Massimo Venturi Ferriolo. 

 

Francesco Petrarca dà forma e misura allo spazio e al tempo della propria solitudine e della propria operosità. Le sue case, i suoi giardini, i suoi paesaggi, costituiscono per noi, ancora, di nuovo, un centro gravitazionale irresistibile della nostra cultura di europei. Sono luoghi concreti, dotati di un patrimonio filologico immenso accumulato nel corso di sette secoli, caricati di una incessante metamorfosi del loro mito. Questo lavoro collettivo tenta di fare criticamente il punto di una vicenda di idee, di scienze, di arti del paesaggio e del giardinaggio, e di delineare una sorta di atlante per orientarci in quella che Andrea Zanzotto chiama la «collezione di case stabili dove fissarsi, “quieti porti” da avere a disposizione dovunque», allestita dal poeta nell’arco della sua vita. Escludendo perciò esperienze che pure marcano come tappe imprescindibili la costruzione dell’idea di paesaggio in Petrarca, tra le quali avremmo almeno dovuto convocare, col Ventoso, la montagna Sainte Baume e la Riviera ligure, che lo impressiona già all’età di otto anni, Baia e i Campi Flegrei, il Monginevro e le sorgenti dell’Adige, la collezione di porti quieti, e inquieti, di uno spirito libero peregrinus ubique, presenta comunque confini aperti. Quando comincia? All’Incisa, nei primi sei anni di vita? A Pisa, bambino di sette anni? Subito dopo, ad Avignone e Carpentras? Nei luoghi della prima giovinezza, nelle esperienze pluriennali di studio a Montpellier e a Bologna, di certo vive nella sua memoria? Nella casa in cui è felice ospite a Lombez, che più volte descrive con nostalgia? Poi, naturalmente, vengono i posti ai quali egli stesso concede lo statuto trinitario casa-giardino-paesaggio. Dunque Valchiusa, progetto amato già da ragazzino undicenne e poi, da trentenne, realizzato. Le due case di Parma, una in città e una in montagna a Selvapiana. Le tre di Milano: Sant’Ambrogio, Garegnano, San Simpliciano. E altre, forse solo punti di appoggio, in città familiari come Pavia e Verona. E dopo l’oscillazione tra Padova, nel centro della città, e Venezia, in Riva degli Schiavoni, finalmente Arquà, per gli ultimi cinque anni di vita, solitario studioso e giardiniere sessantacinquenne-settantenne, amatissimo e lodatissimo. Ci piacerebbe insomma restituire al lettore le ragioni che fanno venire la voglia di andare, o tornare, in tanti “posti” della sua vita (e delle sue opere: per il filologo “luoghi” designa una referenza testuale puntuale), dialogando, al riparo da ogni accademismo, con una figura che continua a interrogarci sul senso della natura, sulle misure dello spazio e del tempo, sulla forma e la vita dei luoghi, con la vicinanza e il pathos di un nostro contemporaneo.

 

In copertina: dettaglio da Hubert Robert, La Fontaine de Vaucluse, olio su cartone applicato alla tela, cm 30 x 37,6 (Avignone, Museo Calvet).

 

 

Naviga nelle pagine delle pubblicazioni della collana Memorie

 

Premio Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” 2010 al libro

Petrarca e i suoi luoghi


presentazioni pubbliche 

4-5 febbraio 2005
Petrarca e i suoi luoghi
giornate di studio sul paesaggio


informazioni

Coordinamento editoriale, redazione e grafica a cura dell'ufficio edizioni della Fondazione Benetton Studi Ricerche. Distribuzione in commercio nelle principali librerie nazionali a cura di Canova Edizioni.

Per altre informazioni: 

pubblicazioni@fbsr.it.

 
Pagina 1 2 3
 
FONDAZIONE BENETTON STUDI RICERCHE
via Cornarotta 7-9, Treviso, Italy | c.f. 01236810261
     Privacy Policy      Cookie Policy      Partecipazioni      Link