LUGLIO 2020
L M M G V S D
13
14
15
16
17
18
19
la Fondazione per

Luoghi. Forma e vita di giardini e di paesaggi

(Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino, 1990-1999)


Luoghi. Forma e vita di giardini e di paesaggi

(Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino, 1990-1999) 
a cura di Domenico Luciani
Fondazione Benetton Studi Ricerche-Canova
Treviso 2001

351 pagine

219 illustrazioni a colori e 119 in bianco e nero

prezzo di copertina 43,90 euro

ISBN 88-8409-013-X
(collana Memorie, 6)

Il luogo occupa uno spazio, ha un sito e una postura, ma è molto più dello spazio che occupa e del sito in cui sta. Luogo è forma e vita; rapporto tra forma e vita; risultato sempre aggiornato e sempre mutevole di tutte le stratificazioni di natura e di cultura (memoria) e, insieme, di tutte le tensioni a continuare a mutare nel tempo, di tutte le proiezioni vitali verso il futuro. La questione dell’individualità di un luogo, della sua temporalità, della sua commensurabilità spaziale, si presenta a noi, in definitiva, e per quanto attiene più direttamente al nostro campo di lavoro, come questione della sua conoscibilità per mezzo di saperi trasmissibili e come questione dell’assunzione di una responsabilità verso il patrimonio storico e naturale che contiene, per mezzo di poteri politici e autorità morali e culturali riconoscibili, in grado di decidere azioni, modificazioni, provvedimenti, usi e riusi coerenti con la forma e la vita del luogo nella lunga durata. In questa “conoscibilità” e “responsabilità” stanno le condizioni per un possibile passaggio dall’idea di tutela come vincolo all’idea di salvaguardia e valorizzazione della “identità” come guida attiva delle modificazioni.
Appare questa la conquista forse più difficile che l’idea di paesaggio sta compiendo in questi anni. è una conquista che prende atto dell’inarrestabilità delle modificazioni della forma e della vita dei luoghi, e accetta il compito di indirizzarle verso nuove forme e nuove vite future, così da conservarne i caratteri fondativi, i tratti fisiognomici connotanti. Governare le modificazioni permanenti e inarrestabili è necessario in ogni luogo. Diventa indispensabile nei luoghi nei quali la natura abbia presenza pregnante. Questa necessità di governo appare ancora come l’araba fenice. Che questa necessità vi sia, nessuno lo mette più in causa. In che cosa consista, chi se ne debba occupare, resta questione aperta.
Dunque, il premio. Un premio a un luogo. È come se ci fosse stato chiesto: “spiegateci con qualche esempio che cosa intendete dire, mostrateci qualche caso nel quale questa benedetta questione del governo emerga chiaramente”. Bisognava dunque scegliere, di volta in volta, un luogo, e dare ragione di questa scelta. E doveva risultare chiaro che non era al centro o in discussione il talento dell’inventore, ma la sapienza e la continuità di una guida che riesce a far vivere nel tempo quella stessa invenzione, a ritrovarla, a rinnovarla, continuamente facendola rimanere se stessa, appunto in equilibrio tra innovazione e conservazione. Equilibrio che è, a sua volta, lotta permanente, nel tempo, tra le forze che spingono alla rovina e alla caduta e le forze che spingono all’edificazione e all’elevazione. Sono gli stessi elementi evolutivi della natura e artificiali della cultura che tendono contemporaneamente, da una parte, a perdere forma e, dall’altra, a ritrovarla, da una parte a degradare la vita e, dall’altra, a rinnovarla.

 

 

Naviga nelle pagine delle pubblicazioni della collana Memorie

 

Premio Giardini Botanici Hanbury 2001
Il libro Luoghi è risultato vincitore della nona edizione del Premio Giardini Botanici Hanbury, un’iniziativa annuale dell’Associazione Premio Grinzane Cavour che “intende promuovere la cultura dei giardini, dei fiori e del paesaggio, segnalando testi di architettura, di botanica, di fotografia e testi di creatività dedicati allo spirito della natura, alla letteratura dei giardini, intesa anche in senso ideale, come metafora della vita”. La cerimonia di premiazione si è svolta presso i Giardini Hanbury (La Mortola, Ventimiglia), sabato 30 giugno 2001.

presentazioni pubbliche

riscontri sulla stampa

informazioni

Coordinamento editoriale, redazione e grafica a cura dell'ufficio edizioni della Fondazione Benetton Studi Ricerche. Distribuzione in commercio nelle principali librerie nazionali a cura di Canova Edizioni.

Per altre informazioni: 

pubblicazioni@fbsr.it.

 
Pagina 1 2 3
 
FONDAZIONE BENETTON STUDI RICERCHE
via Cornarotta 7-9, Treviso, Italy | c.f. 01236810261
     Privacy Policy      Cookie Policy      Partecipazioni      Link