Paradisi ritrovati

Esperienze e proposte per il governo del paesaggio e del giardino


Paradisi ritrovati

Esperienze e proposte per il governo del paesaggio e del giardino

a cura di Mariapia Cunico e Domenico Luciani

con introduzione di Rosario Assunto
Fondazione Benetton Studi Ricerche-Guerini e Associati

Treviso-Milano 1991 
256 pagine

33 illustrazioni a colori e 152  in bianco e nero 
prezzo di copertina 32,53 euro

ISBN 88-7802-270-5
(collana Memorie, 2)


Il volume raccoglie i materiali del primo corso sul governo del paesaggio e del giardino organizzato dalla Fondazione ad Asolo (Treviso) dal 27 agosto al 12 settembre 1990. Per due settimane, nella casa di Freja Stark, quaranta esperti di tutto il mondo, scienziati, storici, filologi, architetti del paesaggio ed economisti, hanno illustrato le loro esperienze e discusso le loro proposte per lo studio e la gestione dei parchi e dei giardini, pubblici e privati. Un’ampia indagine è stata dedicata alle arti e alle scienze utili al governo. A essa hanno partecipato, tra gli altri, Margherita Azzi Visentini (per l’aspetto filologico e storiografico), Pier Fausto Bagatti Valsecchi e Patrizio Giulini (sotto il profilo delle cure e della gestione), Paolo Leon (dal punto di vista dell’economia), Ippolito Pizzetti (per le questioni del gusto e del progetto) e Thomas Wright (sulla manutenzione e il rinnovo). L’analisi di oltre venti situazioni concrete (sei nel Regno Unito, sei in Italia, cinque in Francia, una in Spagna, una in Portogallo e due negli Stati Uniti), riordinate a seconda delle modalità gestionali (pubblica, privata, mista), ne ha d’altra parte messo in luce i problemi specifici, secondo quel parametro del “governo” che, come sottolinea Domenico Luciani nella postfazione, caratterizza il lavoro scientifico della Fondazione Benetton nel vasto dominio del paesaggio e del giardino. I casi esaminati, da Vaux-Le-Vicomte a Central Park, mostrano quanto sia complesso il compito di conoscerne la storia, afferrarne i caratteri fondativi, governare la loro inarrestabile e continua evoluzione. Analizzando i rapporti tra memoria e progetto, tra conservazione e innovazione, tra specialismi e sintesi coordinatrice, si incontrano nel governo del paesaggio e del giardino contraddizioni di particolare acutezza che obbligano a una presenza fatta di volontà, idee, conoscenze e attenzioni operative. Tutte le sensibilità di cui siamo capaci in questo campo si mostrano con molte facce diverse e si confrontano tra loro nel tentativo di creare uno spessore critico diffuso verso l’ambiente, la natura, il paesaggio; così che molti possano varcare la soglia ed entrare nel giardino, non solo per rispettarlo, ma per saperlo vivere e contemplare, come si contemplano i ''luoghi nei quali i sentimenti e i pensieri si fanno essi stessi luogo''. Apre il volume, con la consueta autorevolezza scientifica e morale, Rosario Assunto: la sua introduzione è la testimonianza alta e ironica del pensatore che, unico nel mondo contemporaneo, si è cimentato con i valori etici ed estetici del paesaggio e del giardino, creando i presupposti dell’impegno pubblico e privato per la loro conoscenza e tutela. A Rosario Assunto, e al mezzo secolo della sua implacabile battaglia di idee, la Fondazione Benetton ha dedicato, per il 1991, il Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino.  

 

 

 

Indice del volume

 

Rosario Assunto, Il giardinaggio come operazione filosofica, 7

 

I. Arti e scienze per il governo del giardino

Margherita Azzi Visentini, Fonti per lo studio dei giardini, 15

Pier Fausto Bagatti Valsecchi, Sui problemi della gestione, 33

Patrizio Giulini, Le cure del patrimonio vegetale, 37

Paolo Leon, L’economia del giardino, 49

Ippolito Pizzetti, Giardini e giardinieri, 53

Thomas Wright, L’esperienza britannica, 57

II. Esperienze di gestione pubblica

Jean-Noël Burte, Il Luxembourg da giardino reale a giardino pubblico, 67

Francesco Decembrini, Merano e la sua Stadtgärtnerei, 73

Mark Flanagan, Wakehurst Place, sede staccata dei Kew Gardens,  77

Nicoletta Furno, Parco Burcina, riserva naturale speciale, 83

Christopher M. Greene, Il futuro dei parchi di F.L. Olmsted nel Massachusetts, 91

Nicole Le Nevez, Il parco orientale di Maulévrier, 101

John D. Main, Edimburgo: Royal Botanic Garden, 105

Timothy Marshall, Central Park. Origine, declino e rinascita, 113

III. Esperienze di gestione privata

Patrice Fustier, Courson, parco romantico, 125

Nicolò Giusti, Il governo del mio giardino in Verona, 131

Robert A. Pullin, Hever Castle, 137

Emilio Trabella, Giardini a lago e parco di Villa d’Este, 145

IV. Associazioni e Fondazioni

Teresa Andresen, Serralves e l’arte del giardino nel Novecento, 155

Paolo Cottini, Il Parco Mylius-Vigoni, 161

John D. Main, Wisley: il giardino della Royal Horticultural Society, 167

Lauro Marchetti, Ninfa, giardini e rovine, 173

James M. Marshall, Il National Trust, 183

V. Ritrovamenti e avventure

Carmen Añón Feliu, Scuola laboratorio Alameda de Osuna, 189

Olivier Choppin De Janvry, Désert de Retz, l’avventura di un ritrovamento, 197

Charles Clive-Ponsoby-Fane, Brympton d’Evercy, 211

Patrice De Vogüé, Vaux-le-Vicomte da Le Nôtre a oggi, 217

VI. Postfazione

Domenico Luciani, L’auctoritas necessaria,  231

VII. Indici e referenze  

Referenze sugli autori, 241

Referenze sui siti, 243

Indice dei nomi e dei luoghi, 245

informazioni

Il volume Paradisi ritrovati, da ottobre 2000, può essere richiesto direttamente alla Fondazione Benetton Studi Ricerche.

Per altre informazioni: 

pubblicazioni@fbsr.it.

Fondazione Benetton Studi Ricerche
/ en.fbsr.it stampa del 3 agosto 2020