NOVEMBRE 2020
L M M G V S D
23
24
25
26
27
28
29
la Fondazione per

Paesaggi feriti. Storia e geografia delle cave in Veneto

Progetto europeo “Restructuring Cultural Landscapes” (REKULA)


In occasione della pubblicazione del programma di iniziativa comunitaria Interreg III B (2000-2006) per lo Spazio Europeo Centrale, Adriatico, Danubiano e Sud-orientale (area comunemente indicata come CADSES), i responsabili dell’Internationale Bauausstellung Fürst-Pückler-Land (istituita nella Lausitz per il decennio 2001-2010, www.iba-see.de ) hanno chiesto alla Fondazione Benetton Studi Ricerche di essere partner in un importante progetto riguardante la riqualificazione di paesaggi industriali dismessi in tre diverse situazioni europee.
La Fondazione ha coinvolto la Regione Veneto, ente pertinente e maggiormente commisurato alla dimensione del progetto, mantenendo per sé il ruolo (adeguato al proprio statuto) di referente culturale, in particolare per le scienze che si occupano di paesaggio.
L’importanza di questa iniziativa comunitaria per chi si occupa oggi, in Europa, di paesaggio è evidente se si considerano la “priorità” data dall’Unione Europea al programma Interreg III B CADSES – «valorizzazione e gestione del paesaggio, patrimonio culturale e naturale» – e la “misura” cui si riferisce – «protezione e sviluppo del paesaggio».
Il progetto “Restructuring Cultural Landscapes” (REKULA) ha analizzato il degrado che l’età industriale ha prodotto sul paesaggio, in un arco di tempo relativamente breve, a partire da alcuni casi esemplari, ben rappresentati nelle regioni coinvolte, e ha suggerito alcuni modelli teorici e pratici per la gestione di questo tipo di problemi.

Nella Lausitz, in Germania, è stato approfondito il tema della devastazione ad ampia scala prodotta dall’estrazione della lignite, procedimento che ha letteralmente cancellato interi brani di territorio lasciando alla dismissione degli scavi vasti paesaggi abbandonati, immaginabili come lande desolate con enormi voragini intervallate da mucchi di detriti e terrapieni, cariche di residui delle lavorazioni, spesso altamente inquinanti.

In Veneto, nell’ambito dell’alta pianura, è stato preso in considerazione il tema delle cave di inerti, attività che nella seconda metà del secolo scorso ha avuto qui uno sviluppo enorme, parallelo all’urbanizzazione e all’industrializzazione che hanno portato alla ribalta il fenomeno della “città diffusa”, sul quale si è aperta ora una fase di riflessione che coinvolge il mondo scientifico e quello amministrativo.

In Polonia, nella regione della Slesia, è stato affrontato il tema dei quartieri residenziali costruiti per gli operai accanto ai grandi insediamenti industriali del secolo scorso, ora in gran parte dismessi con l’obiettivo di studiare nuove destinazioni d’uso e di proporre progetti concreti per la riqualificazione e il riutilizzo di queste architetture.

 

Naviga nelle pagine dei laboratori per il paesaggio

 

2003-2006

laboratorio

 

Lead partner/capofila:
Internationale Bauausstellung Fürst-Pückler-Land, Großräschen (IBA See).

Per tutta la durata del progetto, i partner hanno organizzato eventi pubblici internazionali finalizzati al reciproco aggiornamento e alla presentazione degli esiti a un pubblico più ampio possibile.
Gli eventi organizzati dal partner capofila sono stati il forum Landscape International e la conferenza conclusiva (Cottbus 3-4 aprile 2006).

La Fondazione ha organizzato: la conferenza di Rolf Kuhn, Grandi progetti europei (Treviso 31 gennaio 2003); il convegno Che fare nei paesaggi feriti?; la mostra e il convegno Ricerche e proposte sulle cave del Veneto; la presentazione del volume Trasformare paesaggi.

 
Pagina 1 2
 
FONDAZIONE BENETTON STUDI RICERCHE
via Cornarotta 7-9, Treviso, Italy | c.f. 01236810261
     Privacy Policy      Cookie Policy      Partecipazioni      Link