AGOSTO 2020
L M M G V S D
03
04
05
06
07
08
09
la Fondazione per

Barco Cornaro, Altivole


Le indagini e le proposte per il Barco Cornaro hanno caratterizzato gli inizi del lavoro scientifico della Fondazione. Nei quattro anni 1988-1991, l’impegno di tutta la struttura è stato affiancato da un comitato internazionale di consulenti, con Carlo Bertelli, Gianpietro Brogiolo, Laura e Paolo Mora, Ursula Schädler e Wolfgang Wolters. Fabio Lombardo, Afra e Tobia Scarpa hanno immaginato un recupero degli immobili. Domenico Luciani e Lionello Puppi hanno delineato la vita in situ di un centro studi paesaggistici. Sono arrivati riconoscimenti (Premio Mazzotti 1991), seminari europei (Clisson, 1992), esposizioni (Centro Studi Palladio a Vicenza, 1994), il FAI gli ha dedicato una giornata nel 1995, ma la Provincia di Treviso, proprietaria della parte centrale del compendio, già nel 1992 aveva bloccato il tentativo di “Ritrovare il Barco”.

Tracce e indizi di un giardino umanistico veneto scomparso
Ai piedi delle colline asolane, appare un grande spazio aperto rettangolare, lungo più di un chilometro e largo circa mezzo, ove è visibile un manufatto superstite lungo circa 120 metri, che comprende stanze e logge decorate (circa mille metri quadrati di affreschi esterni e interni) e opere lapidee di notevole qualità. L’insieme rinvia chiaramente all’età umanistica e al linguaggio elaborato da un gruppo di maestri lombardi. Anche le grandi finestre crociate, rimaste nella lunga facciata di questo edificio superstite, sono senza dubbio di matrice lombardesca. Negli affreschi sono stati scoperti ben tre strati, con soggetti sacri e profani, cristiani e pagani molto diversi. Nell’ampio spazio recintato sono ancora riconoscibili i segni della centuriazione romana e della struttura idraulica, in particolare l’arrivo, all’angolo nordest del rettangolo, del canale artificiale della Brentella, costruito da Venezia nel corso del XV secolo, rinnovato nel 1507 con l’intervento diretto di fra Giocondo da Verona, in quel momento il maggior esperto veneto di arte militare e idraulica.

Nell’ampia letteratura disponibile, per lo più attinente alla figura della committente, Caterina Cornaro (1454-1510), ex regina di Cipro esiliata ad Asolo, mancavano indagini su questo grande enigmatico spazio aperto rettangolare. L’eccezionalità del sito era stata già delineata (PUPPI 1962, KOLB 1977, PIOVESAN 1980). Kolb, nella sua ricerca incentrata sul castello Giustinian di Roncade, aveva intuito che lo spazio del barco era costruito su un sistema fondato sull’actus, la cui misura di 35,5 metri (120 piedi, un piede circa 30 centimetri) costituisce il modulo base di tutto l’impianto territoriale, connotato dal graticolato stradale perpendicolare del I secolo a.C., formato da quadrati il cui lato è di circa 745 metri (21 actus = 21 x 35,5 metri). Le indagini condotte dal 1988 al 1991 (LUCIANI 1991) hanno rivelato tre recinti concentrici: all’interno del grande rettangolo, chiuso da un muro, un giardino circondato da torri e da edifici (di cui il manufatto superstite costituisce la metà dell’ala est), un’area dominicale interna, definita per tre lati da un muro e nel lato nord da una peschiera.

 

Naviga nelle pagine dei laboratori per il paesaggio

 

1988-1991

laboratorio

bibliografia essenziale

 
Pagina 1 2
 
FONDAZIONE BENETTON STUDI RICERCHE
via Cornarotta 7-9, Treviso, Italy | c.f. 01236810261
     Privacy Policy      Cookie Policy      Partecipazioni      Link