SETTEMBRE 2020
L M M G V S D
28
29
30
01
02
03
04
la Fondazione per

Complesso memoriale di Jasenovac

Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino
diciottesima edizione, 2007


Complesso memoriale di Jasenovac, novembre 2006 (fotografia di Domenico Luciani).

Motivazione della giuria
La giuria del Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino ha deciso all’unanimità di dedicare l’edizione 2007 a un vasto spazio aperto, appoggiato alla riva della Sava presso il villaggio di Jasenovac, in Croazia, fino al 1941 area di una fornace di mattoni, dal 1941 al 1945 campo di concentramento, e da allora sito memoriale, coacervo di segni, sedimenti, testimonianze, simboli che si sono stratificati nel tempo e ci aiutano ad affrontare la questione delle forme e delle vite di luoghi ai quali le comunità affidano il compito di mantenere e accumulare la memoria dei loro momenti più alti e più tragici.
La giuria si è a lungo interrogata sulla metamorfosi delle mentalità, sui processi antropologici attraverso i quali, a partire da una cronaca indicibile, la memoria di persone e di fatti possa entrare nella macina della lunga durata trasformandosi in un regesto ragionato fino a prendere la postura e lo spessore della storia. L’investigazione nel catalogo europeo spaventosamente vasto e la riflessione sui caratteri costitutivi di questi luoghi, lungi dal raggiungere certezze, ha messo almeno a fuoco l’importanza della elaborazione della memoria, la necessità di andare con tensione critica conoscitiva oltre la mera accumulazione di reperti, e infine l’opportunità e l’utilità di una sintesi progettuale. Jasenovac ci mostra in questa direzione come la salvaguardia e la valorizzazione della memoria possano trovare proprio nell’invenzione artistica un potente alleato. E come la memoria possa farsi essa stessa luogo.
Qui, all’inizio degli anni sessanta del Novecento è stato infatti compiuto, da un architetto serbo, “uomo di lettere”, sindaco di Belgrado dal 1982 al 1986, Bogdan Bogdanovic, un gesto sorprendente di arte del paesaggio. Nell’assenza totale di reperti fisici della fornace e del campo di concentramento, eliminati già alla fine della guerra, l’inventore ha definito, con minuscoli movimenti di terra, toccanti segni contestuali che rinviano analogicamente alle baracche e alle attrezzature del campo di concentramento, lievi corrugazioni, quasi invisibili tumuli nella pelle del grande prato conterminato dalla linea di salici che definisce la riva del fiume. E nel punto in cui un paleoalveo del fiume offre lo specchio dell’acqua, ha fatto scaturire dalla terra, dalle viscere della terra, qualcosa che appare come una forma organica letteralmente sublime, una creatura enorme e fantastica, alta 24 metri, venuta finalmente a respirare, a captare la luce, un monumentum incaricato di definire il centro gravitazionale del complesso organismo spaziale memoriale.
Con la definizione monumentum, qualcosa che fa pensare e serve a ricordare e ammonisce, la giuria intende stare al riparo da ogni pur suggestiva tentazione di avventurarsi nell’ennesima interpretazione iconologica e simbologica. I testi di Bogdanovic Il labirinto nel labirinto e La rapina dei simboli, pubblicati per vasti stralci nel dossier del premio 2007, costituiscono a questo proposito contributi critici che la giuria fa pienamente propri, intendendo così anche richiamare l’attenzione sull’importanza letteraria, il valore maieutico, l’acutezza e l’umorismo dei testi che l’autore ha pubblicato nell’arco lungo della sua vita su molti temi scottanti delle società e delle culture europee, in particolare del sud-est europeo. Con i venti luoghi memoriali ai quali, tra il 1952 e il 1981, ha dato forma in tutti i paesi della ex Iugoslavia e con le sue opere teoriche e critiche, Bogdan Bogdanovic può essere considerato a pieno titolo una di quelle personalità del Novecento che vanno inscritte nella sfera delle “altre modernità”, nella quale il premio ha già incontrato, oltre al proprio eponimo Carlo Scarpa, Dimitris Pikionis e Joze Plecnik.

Naviga nelle pagine dei luoghi premiati 1990-2015

 
iniziative collegate

sabato 12 maggio 2007
seminario pubblico e
cerimonia di premiazione

pubblicazione

Complesso memoriale di Jasenovac, dossier 2007

 
Pagina 1 2
 

Complesso memoriale di Jasenovac, premio Carlo Scarpa 2007


FONDAZIONE BENETTON STUDI RICERCHE
via Cornarotta 7-9, Treviso, Italy | c.f. 01236810261
     Privacy Policy      Cookie Policy      Partecipazioni      Link